Perché investire in CLUB DEAL?

Di recente ho avuto modo di leggere il libro “I signori del lusso. Giovanni Tamburi e l’impero del Made in Italy”, dedicato alla storia di Tamburi Investment Partners, celeberrima investment company meneghina[1].

Se non avete ancora avuto modo di farlo, ve ne consiglio caldamente la lettura.

Nel libro viene enfatizzata molto la figura del CLUB DEAL, quale modalità di investimento del futuro.

Di che si tratta e quali sono le sue finalità?

Navigando tra le pagine del Web, si possono trovare diverse definizioni di CLUB DEAL.

Una di quelle che, a mio avviso, coglie nel segno è la seguente:

I Club deal sono dei veri e propri sindacati d’investimento tra quegli individui o quelle famiglie molto facoltose che fanno parte dei c.d. High Net Worth Individual (persone che possiedono un elevato patrimonio netto). Essi si riuniscono in gruppi per effettuare investimenti in imprese al fine di sostenerne lo sviluppo e l’internazionalizzazione, realizzando al contempo un guadagno che vada ad incrementare il proprio patrimonio e a remunerare il rischio[2].

Altra definizione, chiarisce come il CLUB DEAL sia

una transazione tra un numero ristretto di investitori di Private Equity che, unendosi, impegnano dei capitali collettivamente per l’acquisizione o il finanziamento di un target, su cui singolarmente non sarebbero in grado di investire. L’allocazione di una quota parte rispetto al capitale complessivo permette ai singoli investitori, non solo di accedere a investimenti più rilevanti, ma anche di ridurre il rischio[3].

Già dalle poche righe lette in precedenza, emergono chiaramente le caratteristiche del Club Deal ed i motivi per cui è conveniente investire con tale modalità.

Quali vantaggi nell’investire in CLUB DEAL?

Come abbiamo avuto modo di intuire, si tratta di una forma specifica di private equity, che è stata creata con la finalità di investire in maniera più efficiente il patrimonio delle famiglie benestanti, investendo in aziende ad elevato potenziale.

Altra caratteristica che balza all’occhio è che la società Target (cioè quella oggetto dell’investimento) può essere tra le più varie, dalla startup sino alla media azienda, passando per le micro e piccole imprese, per non parlare degli investimenti immobiliari.


I principali vantaggi dell’investire in Club Deal sono i seguenti:

1. RILEVANZA

Con questo metodo si possono raccogliere più capitali rispetto all’investitore singolo e pertanto gli investimenti che si possono fare sono decisamente più importanti.

2. CONTROLLO

A differenza di altri tipi di investimento, la società che gestisce, organizza e compartecipa al  CLUB DEAL (la c.d. management company) ha il compito di supportare l’azienda TARGET oggetto di acquisizione attraverso professionisti di fiducia, riferendo ai soci del club deal delle strategie adottate attraverso dei report[4], garantendo un maggiore coinvolgimento degli investitori durante tutto il periodo dell’investimento.

3. FLESSIBILITA’

Questa caratteristica si manifesta sotto molteplici aspetti:

  1. Libertà di partecipazione: i soci del Club Deal decidono se parteciparvi o meno in base alle proprie disponibilità e a quanto credono nel progetto;
  • Libertà di definire l’ammontare dell’investimento: i soci del Club Deal interessati possono decidere l’ammontare della somma da investire, da poche decine di migliaia di euro a milioni di euro (ciò dipenderà dal taglio dell’operazione).
  • Libertà di liquidazione dell’investimento: non essendo prevista esplicitamente una EXIT, la liquidazione dell’investimento potrà avvenire nel momento che sarà valutato come più opportuno, di concerto con la management company del Club Deal.
  • Libertà di definire la tipologia di investimento: gli investitori potranno scegliere se prestare denaro all’azienda target, entrare nel capitale (con maggioranza o minoranza), oppure investire direttamente in immobili od impianti.

Non male, vero?

Sono certo che l’elenco dei vantaggi avrà sicuramente solleticato l’attenzione in quelli di voi che sono interessati a valutare investimenti e che, più in generale, si occupano di business.

E per le società Target?

Tra i lettori di questo Blog ci sono anche molti Imprenditori che stanno valutando di ricercare investitori per la propria attività.

Alcuni tra questi, molto gelosi della loro autonomia, staranno pensando

ok tutto molto interessante…ma quale vantaggio potrei avere nella mia Azienda ad avere un gruppo di investitori di questo tipo? Non potrebbe creare confusione?”

Innanzitutto bisogna chiarire che l’interlocutore dell’Imprenditore della società oggetto dell’operazione è il manager designato dal Club Deal e non certo tutta la platea degli investitori coinvolti.

Il forte legame fiduciario che esiste tra questi ultimi ed i promotori del Club Deal, oltre che specifiche pattuizioni in materia di governance, impediscono commistioni poco gradite all’Imprenditore.

Mi piacerebbe comunque sottolineare l’aspetto positivo di avere a che fare con una molteplicità di professionisti ed Imprenditori, non solo in termini di “competenze in campo”, ma in termini di relazioni che possono essere sviluppate anche (e soprattutto) per aiutare la Target a raggiungere i suoi obiettivi.

Comunque la flessibilità dell’operazione è tale che, nel definire i patti parasociali, si cerca sempre di contemperare le esigenze di tutte le parti coinvolte.

Per la regolazione di questi aspetti, come è noto, è fondamentale l’apporto dell’Avvocato d’Affari, il quale solitamente viene chiamato ad assistere le società che promuovono Club Deal; in altri casi l’Avvocato d’Affari potrà essere utile per ricercare investitori e selezionare, di concerto con la management company, i migliori progetti di investimento da sottoporre a potenziali investitori.

Mi auguro di avervi fornito qualche utile spunto: e se siete interessati a valutare opportunità di investimento mediante i Club Deal, non esitate a contattarmi.

Avv. Giuseppe Bellini


[1] Oggi Tamburi è un guru di Piazza Affari: investitore, merchant banker, consulente. Personaggio sconosciuto al largo pubblico, è uno dei registi dietro al successo di Moncler, il caso mondiale del lusso, e dell’atteso sbarco in Borsa del fenomeno Eataly di Oscar Farinetti. Dalla Ferrari ai cacciaviti preferiti da Valentino Rossi, da Alpitour a iGuzzini, passando per gli abiti di Hugo Boss e gli yacht della Azimut-Benetti, TIP, Tamburi Investment Partners, un po’ investment bank, un po’ merchant bank, un po’ fondo di investimento, ha messo in piedi un polo del Made in Italy.

[2]CLUB DEAL, il FUTURO DEL PRIVATE EQUITY”, Mario Dianda, 25 maggio 2018 www.startingfinance.com/club-deal/

[3]COME FUNZIONA IL CLUB DEAL”, Italglobal Partners, www.italglobal.it/club-deal/come-funziona-il-club-deal/  

[4] Celeberrime in questo senso sono le relazioni agli azionisti della Berkshire Hathaway INC, da parte di Warren Buffett.